Tarantula Rubra - home

 

Tarantula Rubra chi ?

Musica e interviste

Transe

Tarantismo e NeoTarantismo

Segui Tarantula Rubra

Rassegna Stampa

Galleria Fotografica

In Rete

Agorà

GLI AGORA' IN PIAZZA

"La piazza in tutto il Mediterraneo è stata, ed è ancora, un luogo importante di incontri. La piazza "funziona" per vedersi e parlare, l'Agorà è il posto giusto per suonare e ballare…"
E' la presentazione ufficiale di un gruppo estremamente interessante che, come da qualche anno avviene nella magica terra di Calabria per mano di straordinari musicisti, ci offre meraviglie, magie e suoni spesso dimenticati, a volte mai uditi.

Il gruppo nasce nel 1989 dalla fusione di due gruppi calabresi preesistenti " Lycosa Tarentula " di Tiriolo (CZ) e "A Paru " di Melito Porto Salvo (RC), quindi una realtà che calpesta piazze e palcoscenici da non poco tempo, ma che solo oggi riesce a pubblicare una realizzazione discografica.

Da sempre il lavoro degli Agorà ha avuto come obiettivo primario il recupero del patrimonio calabrese tanto nelle sonorità quanto negli strumenti. Egregiamente alla ribalta saranno, grazie alla loro costante e tenace abilità musicale, meraviglie della tradizione quali la lira calabrese, magico strumento ricavato da un unico blocco di legno, privo di tastiera e con corde in budello, su cui si monta una tavola armonica sovente fatta di cedro libanese ( e già qui potremmo viaggiare per immaginare le antiche influenze del Mediterraneo); zampogne di varie forme e suoni, tamburelli, pipite, fischietti di canna e di legno o fiscaruoli, per chiamarli come vengono definiti tutt'oggi nei paesi albanesi della Calabria.

Meravigliosi strumenti costruiti da alcuni componenti della compagnia adottando tecniche antiche della liuteria tradizionale. In primis Antonio Critelli, polistrumentista e coordinatore del gruppo, nonché ricercatore ed autore delle rielaborazioni musicali insieme a Tommaso Leone. A detta di Antonello Ricci, che riteniamo fra le più autorevoli voci della ricerca etnomusicologica calabrese, Critelli sarà l'attento liutaio "sperimentatore dell'acustica e dei timbri acidi che costituiscono il carattere distintivo degli strumenti musicali in Calabria".

Ecco quindi la nascita di un disco molto interessante, "Tinghi e tingone", frutto di intense attività tanto di ricerca quanto di promozione culturale. Lo stesso Antonio Critelli è partecipe a pieno titolo delle iniziative promosse dall'associazione A.R.P.A., nonché componente dei coinvolgenti Phaleg.
Un'atmosfera quantomeno dionisiaca introduce il lavoro composto essenzialmente da musiche e testi tradizionali. Intensamente coinvolgente l'esecuzione della Tarantella du Barilli, così come la Tarantella alla zampogna surdulina. Non poteva mancare in questo lavoro un pensiero per Nicola De Bonis, ormai mitico costruttore di chitarre battenti e classiche.

Fra i brani più coinvolgenti ed interessanti non potremo non menzionare una straordinaria "Danza albanese", composta da tempi e sonorità avvincenti, dai profumi a noi vicini, spesso trascurati.
Ma per noi amanti della fusione tra tradizione e contemporaneità, per noi che riteniamo inevitabile e necessario il creare musicale basato sugli antichi sapori e gli apporti delle esperienze dell'oggi, per tutti coloro che ritengono la musica world il vessillo dell'integrazione fra etnie di differenti paesi e culture, non si potrà fare a meno di notare la soavità e la suggestività di "Anima saracena", brano composto per mano di Cataldo Perri e sapientemente eseguito dall'ancora altamente socializzante e importante Agorà, la piazza in cui i nostri cuori si uniscono in un inno per la pace tra i popoli, alla convivenza serena e ricca di diversità proprie di tutte le culture del mondo.

 

Tarantula Rubra

Ediz. BLOND RECORDS, 2003

----------------------- ------------------------

Tarantula Rubra - home

Scrivi a Tarantula Rubra: info@tarantularubra.it